Per far (entrare in casa) un tavolo …

imagesIeri, finalmente, abbiamo portato a casa questo tavolo.

La prima buona notizia è che per 200 km, da casa dei miei a casa nostra, siamo riusciti a trasportarlo DENTRO la macchina. Lo spettro del tavolo SUL TETTO aleggiava nell’aria. Invece l’abbiamo infilato con estrema semplicità.

La seconda buona notizia è che quando già c’è una buona notizia, è bene accontentarsi di quella: il tavolo non entrava nell’ascensore. Per un momento, solo per un brevissimo momento, ho rimpianto i mobili Ikea che si smontano in mille pezzi ed entrano ovunque. Poi ho guardato quel tavolo, di quercia noce e vita, e sono tornata ad amarlo tantissimo.

Certo, trasportarlo per 5 piani di scale ha messo a dura prova i miei sentimenti ma, a voler vedere sempre il lato positivo, erano solo 5 piani. Potevamo abitare all’8°, per dire.

Quindi Donald se l’è caricato in spalla e io cercavo di direzionarlo da dietro. Sbattendo di qua e di là, sbuffando, ansimando e sudando siamo arrivati su: io, lui, il tavolo e due lingue a penzoloni.
Sul pianerottolo la vita non s’è semplificata perché nel mezzo c’era una dannata porta che impediva il passaggio: come un caterpillar, Donald l’ha scardinata.
Arrivati davanti alla porta di casa ho pensato che, in preda alla follia demolitrice, avrebbe buttato giù anche il muro portante, invece no. Il tavolo s’è ammansito ed è entrato in casa.

Poi uno chiede “Perché hai mal di schiena?”.

Advertisements

6 pensieri su “Per far (entrare in casa) un tavolo …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...